Crea sito

Kombucha proprietà e benefici – Colonia o “fungo”

 

20141030_165915_HDR (Large)

dettaglio 100x campo chiaro

Kombucha proprietà e benefici nella tradizione e nella storia

Le proprietà del kombucha sono dovute alla fermentazione di una moltitudine di batteri e lieviti. L’origine dell’uso del tè Kombucha o te di Kombu si perde nella notte dei tempi. Le prime tracce si trovano nel 2.000 AC. in Cina, alla corte dei sovrani Yi Ti e Tu K’ang, cui è attribuita la scoperta di una ricetta per far fermentare cereali e verdure allo scopo di renderli più nutrienti e benefici all’organismo.

La storia della medicina cinese riporta poi che alla corte della dinastia Tsin (Tsin Sche Hang-ti), fondata dal re Yin Tschen (259-210 AC) si attribuisse la massima importanza alla ricerca di un elisir di lunga vita, che permettesse ai sovrani di regnare il più a lungo possibile, in ottima salute e con la massima autorità.
Gli studiosi della corte dei re Tsin Sche Hang-ti tenevano in grande considerazione le piante crittogame (funghi, felci e muschi), che infatti noi oggi sappiamo essere fra le piante “più antiche”, cui attribuivano la proprietà di poter prolungare la vita. In particolar modo era molto valutato il fungo Ganoderma Japonicus (Fr. Lloyd) o “Divino Tsche” (Ling Tsche), che sembra fosse proprio il Kombucha, che ancor oggi è così chiamato in alcune regioni (vedi elenco dei sinonimi del Kombucha).
Nel 141 l’imperatore giapponese Inkyo fece venire appositamente dalla Korea (che a quei tempi era culturalmente assai progredita) un medico di nome Kombu per curare i disturbi digestivi di cui soffriva. Il medico coreano portò con sé “il Divino Tsche”, che presto si guadagnò la fama di rendere forti e invincibili, tanto che i guerrieri giapponesi lo portavano nelle proprie borracce anche quando andavano in battaglia.
Ancora oggi il Kombucha ( “tè di Kombu”) è assai utilizzato in Oriente per curare le gastriti e i disturbi digestivi.
Dall’Oriente l’uso del “fungo” del tè si diffuse in tutta la Russia e poi, attraverso la Germania Orientale, in tutta l’Europa.
La prima ricerca scientifica sul Kombucha venne pubblicata nel 1913 dallo studioso tedesco G. Lindau, che attribuì alla coltura simbiotica il nome scientifico di “Medusomyces Gisevii” in omaggio ad un certo dr Gisevius, che l’aveva ottenuto a Mitau, in Kurland, da parte di marinai che la utilizzavano sulle navi dell’epoca “per curare tutte le malattie”, cosa presumibilmente vera viste le frequenti patologie dovute ad avitaminosi che colpivano i marinai dell’epoca, che pativano per una dieta assai carente e per lo più a base di pesce salato e alimenti mal conservati. Dato che il Kombucha fra l’altro è anche ricco di molte vitamine, fra cui la C e quelle del gruppo B, la cui carenza darebbe origine ad una pletora di gravi sintomi, portando l’organismo perfino alla morte (per scorbuto, beri-beri, pellagra, anemia perniciosa etc), è facile capire come gli sfortunati marinai tenessero questa bevanda in grande considerazione .
In Polonia durante la prima guerra mondiale veniva utilizzato un blando ma molto efficace lassativo preparato con un “fungo del Volga” altrimenti detto “fungo Teekwass” (vedi più oltre l’elenco dei sinonimi) che altro non era che il Kombucha.
Negli anni seguenti la prima guerra mondiale i profughi e i prigionieri di guerra russi e tedeschi diffusero la coltura in tutta Europa, tanto che tra le due guerre il Kombucha in Germania era acquistabile perfino in farmacia, sotto il nome di “Mo-Gu” o di “Fungojapon”. Anche in Italia era conosciuto, ed era anzi considerato “trendy” offrire la bevanda preparata in casa o regalarne la coltura.
Durante la seconda guerra mondiale l’uso del Kombucha in Europa andò perso, verosimilmente a causa del fatto che le colture furono lasciate morire per la mancanza delle due materie prime essenziali alla loro sopravvivenza: lo zucchero e il tè. Inoltre si erano diffuse alcune voci palesemente infondate che consideravano il “Fungus Japonicus” una muffa, cosa che assolutamente non è, e quindi cancerogeno (vedi oltre). Triste destino per un prodotto che invece, a base di tè, statisticamente dovrebbe avere azione protettiva verso le neoplasie.
Inoltre l’avvento delle medicine “moderne”, dei sulfamidici, degli antibiotici e delle gustose (anche se potenzialmente “velenose) bibite gassate (6bis), unitamente al propagarsi di uno stile di vita “modernista” che scimmiottava i vincitori americani, cambiò (in peggio) le scale di valore degli europei, che si allontanarono sempre più dai prodotti semplici e naturali, ingiustamente percepiti come indice di arretratezza, ignoranza e provincialismo.
Soltanto oggi, dopo aver preso atto dei disastrosi risultati apportati dallo stile di vita americano, possiamo assistere da parte delle persone più evolute a una rivalorizzazione dei prodotti tradizionali e dei rimedi naturali che sta iniziando a riportare anche il Kombucha nelle nostre case. 

(tratto dal sito giuseppe limido.com).

 

La colonia e costituita da una simbiosi di batteri ( cetobatteri) e lieviti  Brettanomyces bruxellensis, Candida stellata, Schizosaccharomyces pombe, Torulaspora delbrueckii e Zygosaccharomyces bailii.

kombucha2 (Large)

40x COL. Filamento di colonia in cui so possono osservare innumerevoli microrganismi

kombucha proprietà

Acido Lattico: nel kombucha è presente nella forma destrogira. 

Acido Acetico: comune acido presente anche nell’aceto di vino

Acido Malico: Nel corpo umano prende parte alla via metabolica del ciclo di Krebs come prodotto della reazione di idrossilazione del fumarato catalizzata dall’enzima fumarato idratasi e come precursore dell’ossalacetato. Nelle piante è uno dei costituenti del succo vacuolare e come acido organico ha funzione di riserva. La principale funzione che svolge nelle cellule vegetali è quella di mantenere un idoneo equilibrio omeostatico.

Acido Ossalico: è un conservante naturale e stimola la produzione di energia nella cellula.

Acido Glucoronico: Prodotto e sfruttato dalle cellule epatiche esplica la sua attività attraverso gli enzimi epatici con attività detossificante, permettendo la solubilizzazione di molecole potenzialmente tossiche e la successiva escrezione al livello urinario o partecipando alla formazione degli acidi e dei sali biliari che verranno poi riversati nel duodeno al fine di alzare il Ph del chimo e di emulsionare i grassi ingeriti.

Acido Butirrico

Acidi Nucleici: comunemente trovati nel DNA e RNA dei microscorganismi nonchè di tutte le cellule.

Aminoacidi: attraverso la sintesi proteica vengono utilizzati per costituire le proteine.

Vitamine del gruppo B1, B2, B3, B6, B12, acido folico (B9) e vitamina 

 

kombucha3 (Large)

40x COL microrganismi

Il Kombucha risulta un valido probiotico esplicante buone attività nutrizionali che microbiologiche. Un uso smodato potrebbe alterare la flora intestinale. Risulta  valido in caso di episodi diarroici acquosi grazie alle molecole igroscopiche che consentono il riassorbimento di liquidi quali il glucosio.

kombucha4 (Large)

COL microrganismi 40x

Author: microscopyworld

Share This Post On
error: Content is protected !!