Crea sito

Micelio – Mold / muffa

micelio3 (Medium)

I miceti sono degli eucarioti: sono infatti dotati di nucleo. Essi però sono oggetti di studio della microbiologia, non solo
perché sono piccolissimi, quindi sono dei microbi, ma anche perché possono esistere allo stato unicellulare.
in una cellula sono conservate tutte le caratteristiche della specie. differenza tra queste cellule eucariotiche
microbiche e quelle animali e vegetali e che se noi mettiamo in coltura una cellula di pianta da sola, non
avremo una popolazione cellulare da questa. Se poniamo in un terreno di coltura opportuno, otterremo
da un’unica cellula una popolazione cellulare enorme.
Altra particolarità è la presenza di una parete e di una membrana cellulare che differiscono molto dalle altre
specie procariotiche . Le malattie da miceti non possono essere curate con i comuni antibiotici: sono
infatti delle specie completamente diverse dai batteri, quindi l’antibiotico può servire “a copertura”, cioè per
prevenire un’infezione batterica oltre a quella micotica che già è in atto. Per i miceti esistono quindi
farmaci appositi detti antimicotici.
Al gruppo dei miceti appartengono numerosissimi microorganismi, ci sono addirittura
300 specie diverse di microorganismi, non tutte patogene: esse ne rappresentano la minoranza, infatti sono circa 100 o 130 . I miceti sono
microorganismi opportunisti. Molti di loro in condizioni normali, cioè in un soggetto sano, sono innocui a
patogeni. Il loro opportunismo scatta quando il soggetto ha una patologia cronica o e immunosoppresso, ad
esempio soggetti che aspettano trapianto, soggetti che sono in rianimazione o intubati. I miceti si trovano
ovunque anche nell’aria che respiriamo. Bisogna quindi fare attenzione, soprattutto se trattiamo soggetti a
rischio.
Al gruppo dei miceti appartengono i funghi che sono pluricellulari, organizzati in più cellule. Per esempio
questi funghi sono molto importanti per la produzione di alcool, di antibiotici, e vanno da organismi
unicellulari a quelli che sono aggregati di cellulle fino ad arrivare a quelli che sono detti funghi mangerecci.
Perché abbiamo menzionato i funghi mangerecci che mangiamo comunemente con le specie patogene che
arrecano danno all’organismo? Perché hanno delle caratteristiche tra loro comuni. La particolarità è che si nutrono
per assorbimento vivono molto spesso in simbiosi con altri organismi e presentano un corpo che è definito
tallo. Quindi questi miceti possono avere più forme: unicellulare , i lieviti ; pluricellulare che sono le muffe e i funghi. Una grande
particolarità è il fatto di avere due tipi di riproduzione: asessuata e sessuale. la riproduzione sessuale e
tipica di quelle specie che risultano patogene per l’uomo.
i miceti da una singola cellula possono dare luogo ad una ragnatela, detta micelio.

micelio2 (Medium)

micelio1 (Medium)

Esiste un micelio ( struttura pluricellulare) per un ciascun tipo di fungo . Esso è importantissimo da un punto di vista diagnostico, infatti
se voglio fare diagnosi di malattia devo vedere come è fatto il micelio, ovvero come il micete cresce su
piastra (in terreno di coltura). Ogni micete avrà una sua colorazione, ma anche una disposizione diversa su piastra che io posso
andare ad osservare con il colturale. Se vedete il disegno somiglia un po’ ai rami di un albero che si estendono
dalle loro estremità, quindi ad un certo punto la parte centrale sarà un po’ secca, anche perché i miceti sono
immobili, non possono muoversi per cercare il cibo. Quando il nutriente nella porzione centrale sarà
utilizzato completamente la crescita si sposterà verso le estremità. Tra una cellula e l’altra notiamo dei setti
che consentono il passaggio del nutriente da una cellula all’altra dal centro verso le estremità.

micelio4 (Medium)

micelio col (Medium)

Le cellule procariotiche si moltiplicano per scissione binaria: da una cellula madre derivano due cellule figlie uguali e identiche alla progenitrice. Questo non
avviene invece per i miceti. la cellula madre aiuta la cellula figlia ad estendersi, cioè si espandono alle
estremità. ci sono degli enzimi che degradano la parete cellulare della cellula madre e consentono al resto
della cellula di andare all’esterno e dare vita ad una nuova cellula.

Abbiamo cellette tutte identiche le uno alle altre, ma vediamo anche una formazione che
sembra un fiore. Il micelio cresce sul terreno, queste strutture invece dette conidiofori crescono come fiori,
in verticale. Se osserviamo bene in a ci sono i conidiofori con tante cellule singole sopra, che noi chiamiamo
conidi. Essi non sono altro che le spore dei miceti.

spore col (Medium)

Sappiamo che le spore batteriche sono forme di resistenza che germinano dando vita ad allo stesso tipo di cellula che li ha generati.Se questi conidi vengono trasportati dal vento danno origine a tutto un nuovo micelio. Sono spore riproduttive del micelio, perché hanno la possibilità di dare orgine ad un altro micelio identico a quello da cui sono state generate.

Qual’ è la differenza sostanziale con le spore batteriche? le spore dove si formano?? Dentro la cellula, quindi
essa muore per dare origine alla spora. Per quanto riguarda i conidi non portano invece alla morte del micelio
che li ha generati. anche i conidi sono forme di resistenza. qual è un’altra differenza sostanziale? andiamo
avanti ci pensate su.
Le spore nelle cellule batteriche sono dette
endospore. I conidi invece sono prodotti sempre esternamente, inoltre a secondo del micelio da dove nascono
abbiamo conidi diversi.
Le forme unicellulari sono i lieviti, che non si moltiplicano per crescita apicale, ma si moltiplicano per
gemmazione, che è una modalità di crescita esclusiva dei miceti. Non la ritroviamo in nessun altra specie
microbica.

Da una cellula si forma una piccola protuberanza, la gemma che si ingrandisce. Una volta avvenuta la
divisione della cellula madre, uno dei nuovo nuclei passa alla gemma; la conditio iniziale è la
moltiplicazione del materiale genetico. in questa nuova gemma è passato un po’ di citoplasma con i suoi
organelli, quindi tra gemma e cellula madre poi si forma la parete cellulare e inseguito avviene il distacco. la
cellula figlia separata, può divenire a sua volta cellula madre e la cellula da cui deriva può gemmare
nuovamente. Quindi sulla superficie di queste cellule avremo cicatrici a gemmazione ogni volta che una
cellula madre da vita ad una figlia e una sola cicatrice da distacco dovuta al distacco dalla cellula madre.
Rispetto alla scissione binaria, la cellula figlia è inizialmente più piccola della madre, poi una volta avvenuto il distacco inizia ad ingrandirsi.

Author: microscopyworld

Share This Post On
error: Content is protected !!